Mirvat mette radici a Ferrara

#WithRefugees

“La guerra è come trovarsi in casa un terremoto. Tu sai che questa casa sta cadendo, ma non puoi uscire, non puoi proteggere le persone a cui vuoi bene, non puoi proteggere la tua famiglia e i tuoi figli, e sopratutto non puoi andare avanti perchè le porte sono chiuse”.

Mirvat sognava di diventare una maestra nella sua città, Aleppo. Le sue speranza si sono interrotte quando la guerra l’ha costretta a fuggire in Libano. Il programma dei corridoi umanitari l’ha portata in Italia insieme alla sua famiglia, e grazie ad una borsa di studio oggi pensa di nuovo al suo futuro.

Show Buttons
Hide Buttons